Dall’analisi dei fattori chiave dell’automazione all’individuazione delle criticità, passando per un percorso esperienziale che permette di comprendere dal vero le fasi di automazione che portano alla creazione di un Digital Office

 

Come Industria 4.0 sta rivoluzionando il modo di fare business

Partendo dall’analisi dei processi produttivi, l’avvento di Industria 4.0 ha rivoluzionato il modo di lavorare delle persone, che adesso si trovano faccia a faccia con robot collaborativi, interfacce grafiche che danno informazioni in tempo reale, dispositivi che tracciano la vita del prodotto e del processo.
In questo cambiamento rivoluzionario, il concetto di digitalizzazione sembra però aver solo sfiorato la superficie dei processi a supporto della produzione, ovvero tutto quell’insieme di attività che riguardano la vita d’ufficio, dove in realtà il potenziale è molto alto e automatizzando una parte dei processi produttivi potrebbe essere generata una riduzione corposa dei costi operativi correlati.

Quali sono quindi le barriere che impediscono l’adozione dei principi dell’automazione nei processi a supporto della produzione?

Una prima criticità è nell’identificazione del processo target dell’automazione – quali processi prioritizzare, quali sono buoni candidati.
Una seconda criticità si lega alla quantificazione degli impatti generati – quali sono i benefici in termini di costi, qualità, flessibilità, servizio al cliente.

Perché la difficoltà del cambio culturale parte innanzitutto dal coinvolgimento del personale?

L’automazione, che in ambito ufficio ha come obiettivo quello di automatizzare attività ripetitive e a basso valore aggiunto, porta alla riduzione del carico di lavoro degli impiegati che si trovano quindi a rivedere le proprie attività quotidiane e che devono attraversare un momento di riqualificazione.
Da ciò, è facile capire come i dipendenti possano vedere i progetti di automazione come un possibile rischio per il proprio futuro in azienda: per questo è molto importante affiancare al progetto di automazione una comunicazione efficace, un ruolo attivo del management nel fornire feedback e coaching e un sistema di gestione dei risultati che tenga traccia degli impatti ottenuti e una struttura solida per la formazione del personale e l’acquisizione di nuove competenze.

 

Percorso Digital Office – Edizione Beta, Dry Run

Di recente è stato lanciata una prima edizione di un corso esperienziale sull’efficientamento e l’automazione dei processi a supporto della produzione dove i partecipanti, nel ruolo di change leader, hanno guidato il redesign del processo dell’ufficio modello, intervistato il personale per raccogliere le loro opinioni e identificato il potenziale di automazione.
La giornata si è conclusa con la visita all’ufficio modello automatizzato che, grazie alla collaborazione di BeanTech e Foxwin, rappresenta un esempio pratico di automazione delle attività, di riqualificazione del personale e del processo di aumento dell’efficienza.

Visto il feedback positivo del primo Dry Run, questa tipologia di esperienza verrà ripetuta periodicamente nel centro di formazione esperienziale Lean Experience Factory 4.0 di San Vito al Tagliamento, entrando a far parte del Catalogo Corsi ufficiale.