La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia ha pubblicato il bando PS 101/2020 finalizzato allo sviluppo di piani aziendali per l’adozione dello smart working, anche attraverso l’acquisto di adeguata strumentazione informatica.

Il bando è a sportello, con apertura il 21 maggio 2020 e chiusura il 19 giugno 2020, e la selezione è basata sulla valutazione di coerenza della policy aziendale sullo smart working con le misure presentate nel progetto.

Possono accedere al finanziamento le seguenti tipologie di soggetti:

  • Micro e piccole imprese
  • Lavoratori autonomi
  • Cooperative e loro consorzi

Sono esclusi i settori non compresi nel campo di applicazione del “de minimis”: pesca, acquacoltura e settore produzione primaria prodotti agricoli.

Il contributo, a fondo perduto, prevede:

Azione A1: fino a 3.000 euro per attività di analisi organizzativa dei processi, individuazione delle tecnologie digitali, consulenza giuslavoristica, supporto per la stesura del piano di smart working;
Azione A2: fino a 4.737,60 euro per attività di formazione dei lavoratori, con un durata minima di 8 ore e massima di 16, per un massimo di 10 lavoratori;
Azione B: fino a 4.000 euro per l’acquisto di notebook, tablet e software funzionali allo smart working per un numero corrispondente ai lavoratori coinvolti. Queste spese sono ammissibili dal 1 febbraio 2020.

Le azioni A1 e A2 sono obbligatorie per poter accedere all’aiuto, mentre l’azione B è facoltativa. Tutte le operazioni si devono concludere entro il 30 settembre 2020.
Il contributo viene erogato in regime “de minimis” fino alla data di autorizzazione della Commissione Europea in conformità alla Comunicazione della Commissione del 19 marzo 2020 C 1863.

Tutte le informazioni sul bando ed i suoi allegati sono reperibili sul sito della Regione FVG

Per ulteriori informazioni contattare:
Email: vincenzo.giummolè@leanexperiencefactory.com
Tel: 335 650 2513